In offerta!
Collana
COD: 9791280801104 Categorie: , , Tag:

Fabio Piuzzi
Il campo dei morti

Informazioni aggiuntive

autore

Fabio Piuzzi

ISBN

9791280801104

prima edizione

2023

formato

14 x 20.5 cm, brossura con alette

pagine

176

16,15 

la trama

Mentre a Mariano del Friuli rincorre in un bosco il proprio cane, il tecnico radiologo Matteo Vignola viene spaventato dall’eco dei gemiti d’una persona in agonia. Quando poi il cane, scavando una buca nel giardino di casa, riporta alla luce alcuni frammenti di ossa umane e un’antica medaglietta bronzea, Vignola si reca da un esperto di storia locale. Da lui viene a sapere che la villa in cui vive è stata costruita su un antico cimitero seicentesco, in cui furono sepolti i soldati caduti durante la Guerra di Gradisca, combattuta fra la Repubblica di Venezia e l’Impero asburgico. Il luogo, noto come Campo dei morti, era stato oggetto in passato di scavi archeologici condotti dal norvegese Stig Solberg, che aveva trovato anche più antiche sepolture. Vignola sospetta che fra i lamenti e il cimitero esista uno stretto legame, e l’ipotesi sembra verosimile quando il vicino di casa viene ucciso davanti alla sua casa. Le sue indagini private s’intersecheranno con quelle condotte dall’ispettore di Polizia Alessandro Querini, permettendo che dal Campo emerga una sconcertante verità.

Fabio Piuzzi
Il campo dei morti
4 reviews for Fabio Piuzzi
Il campo dei morti
  1. Simoncini Marta

    Molta suspence gia’ dalle prime pagine…lo leggi tutto dun fiato…molto intrigante…

  2. auriemma

    Un romanzo trascinante. Fabio Piuzzi dimostra di saper scrivere un giallo senza cadute narrative.

  3. Pietro

    Buon romanzo dalla scrittura efficace e serrata; è costantemente pervaso da un’atmosfera macabra e inquietante che lo rende coinvolgente.

  4. Susanna Tagliaferri

    A questo avvincente romanzo do 6 stelle! La scrittura in prima persona è molto coinvolgente, è come essere l’ombra di Matteo Vignola. Alcuni brani, come la rincorsa in bici, sono esilaranti e mitigano il vortice di suspense da cui si è trasportati. Spero tanto che l’ispettore Querini non vada in pensione 🙂

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *