La trama

La Confraternita del Gianduiotto è stata proclamata ufficialmente nel 1808. Secondo un verbale segreto che all’Archivio Storico della città di Torino mostrano a cani e porci, ne facevano parte praticamente tutti gli uomini che hanno fatto il Risorgimento, a partire da Cavour fino all’ultimo degli uscieri di Palazzo Carignano. Unica eccezione il Re Carlo Felice il quale, quando gli fecero la proposta di entrare a farne parte, rispose con una frase passata in proverbio. Disse: Non voglio fare la figura del cioccolataio!. Questa, potremmo dire, la sintesi dell’antefatto; riassumere il fatto non è altrettanto facile! Il perché di questa difficoltà possiamo in parte trovarla nelle pagine finali, quando l’autore Bruno Gambarotta fa, come d’uso, i suoi ringraziamenti, uno dei quali rivolto a Dan Brown, autore del Codice da Vinci” e recita così: Ringrazio Dan Brown per avermi generosamente offerto il canovaccio per questo romanzo e per aver dimostrato che non c’è limite per chi le spara più grosse.

Recensioni
Recensisci per primo “Il codice Gianduiotto”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *