La Trama

La famiglia Savorgnan vive in un paesino di pianura, arroccata nella propria casa e circondata dall’affetto di amici e gatti. Questo gruppo di creature bipedi e quadrupedi coltiva, a dispetto del vicinato, la curiosità e non si stupisce dei fatti straordinari. Mentre fervono i preparativi per festeggiare il Natale, il gatto di nome Bruno, in grado di leggere le opere di Charles Dickens, decide di fare un regalo particolare a Paolo, lo scrittore. Con l’aiuto della piccola Chiara manda una lettera a Babbo Natale. Lo scritto scatena una serie di eventi fra i quali la realizzazione di un biscotto particolarissimo che dovrà essere impastato e cucinato in segreto da Ada la pasticciera. Paolo Savorgnan è ignaro di essere la causa e il motore dell’ennesimo fatto incredibile che di lì a pochi giorni si manifesterà. Lui è quello che in famiglia si erge a paladino della ragione, per frenare la magica concezione del mondo di moglie, figlia e amiche. Come in “Cantico di Natale”, capolavoro di Charles Dickens a cui l’autrice Stefania Conte, chiamata la Signora dei Gatti, rende omaggio, la Vigilia scatena l’apparizione di tre Fantasmi che conducono tutti in un viaggio indimenticabile.

Recensioni
Recensisci per primo “Il gatto che leggeva Dickens”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *