La Trama

Paolo Morganti continua il genere del giallo-paranormale iniziato con il romanzo “Le forme del male”. I due protagonisti sono sempre Paolo Lanfranchi, chef e moderno benandante, e Francesca Coradazzi, restauratrice e medium. Il teatro narrativo è quello della Carnia attuale, custode di misteriose storie insolute. Il libro si sviluppa in tre racconti. Nel primo, “Il trillo del diavolo”, Lanfranchi è ossessionato da un’intuizione che lo spinge a trovare la relazione fra una serie di suicidi. Scorgendo in alcune foto sempre lo stesso uomo, scoprirà che questi è un violinista tutt’altro che normale. Il secondo, “Gli spettri di Verzegnis”, conduce i protagonisti a rivangare il caso di presunta possessione che colpì il paese nel 1878. Paolo riceverà un carteggio creduto distrutto, in cui lo scrivente rivela la verità sulle donne indemoniate. Storia di chiusura in stile Henry James, è “La presenza perfetta”, un bellissimo ma inquietante spettro di bambina, ritornato fra i vivi a Nonta di Socchieve.

Recensioni
Recensisci per primo “Il trillo del diavolo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *