La Trama

Questa è la quarta avventura nel Friuli del Cinquecento del pievano pre’ Michele e dell’alchimista Martino. La storia si svolge a Cescláns, in Carnia, dove il prete entrerà in contratto con i Celti. Martino, invece, dovrà lottare per salvare la moglie, arrestata per l’accusa di stregoneria. Dopo l’ennesima indigestione, questa volta contratta durante il pranzo di nozze che segue il matrimonio tra Martino e la mugnaia Mèliga, pre’ Michele viene mandato a digiunare lontano. Il prete goloso, spedito sei mesi in Carnia a parte con il morale a terra. Gli abitanti, dopo le prime ritrosie, lo accolgono con gioia nella comunità. Dopo alcuni giorni fa la conoscenza di Math, un giovane uomo molto saggio e misterioso, che gli svela la storia leggendaria del popolo Celtico, coinvolgendolo in un’avventura al limite del credibile. Nel frattempo, Martino si adatta alla nuova vita coniugale. Quando decide di andare a trovare l’amico sui monti, in sua assenza Mèliga sarà accusata di stregoneria. Al suo ritorno, Martino scopre con orrore chi vi è dietro al complotto ordito contro di lui ed esploderà la sua ira.

Recensioni
Recensisci per primo “Il bosco del cervo bianco”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *